....BRESCIA E LA MUSICA....

COMPLESSI DI MUSICA LEGGERA

Brescia

BRESCIA. Thoc. Complesso di musica pop attivo nel bresciano agli inizi del sec. XXI

Fonti: GB del 12.XI.2011.

 

BRESCIA. Chocolate Collective. Complesso di musica pop attivo nel bresciano agli inizi del sec. XXI

Fonti: GB del 12.XI.2011.

 

BRESCIA. Trio Morino. Attivo fra il 1942 e il 1945.

Fonti: Enc. Bs. in 'complessi'.

 

BRESCIA. Quartetto ‘Merlo’. Gruppo jazz fondato nel 1960-1962; composto da Gianpiero Merlo, Raffaele De Zordo (contrabbasso), Vincenzo Pagani (pianoforte), Toti Codisfatti (batteria).

Fonti: Enc. Bs. in 'Jazz'.

 

BRESCIA. Complesso jazz 'The Tender's'. Gruppo jazz fondato negli anni 1960 a Brescia; composto da Luciano Smussi, Mario Opelli, Roberto Cairoli, Claudio Mazzacani.

Fonti: Enc. Bs. in 'Jazz'.

 

BRESCIA. Orchestra Acchiappati. Attiva a Brescia fra il 1938 e il 1940, diretta dal violinista Italo Acchiappati. Formata da I. Acchiappati (violino), Gino Fogliata (pianoforte), Ettore Marchesi (tromba), Attilio Genzini (sax-violino), Bruno Bodini (batteria-violoncello-sega musicale).

Fonti: Enc. Bs.

 

BRESCIA. Trio acustico 'Blue Dahlia'.

Fonti: v. 'Bresciaoggi' del 7.X.2011.

 

BRESCIA. Complesso 'Idea Jazz Combo'. Quintetto sorto nel 1978 ca. a Brescia con l'intento di sviluppare e approfondire un lessico e una ricerca jazzistica. Recapito: Raffaele Olivieri, via G. Cresseri 24 - Brescia.

Fonti: 87.

 

BRESCIA. Complesso 'Jazz Ensemble'. Complesso sorto con l'intento di sviluppare e approfondire un lessico e una ricerca jazzistica. Recapito: Angelo Peli, Gardone Valtrompia - Giorgio Crescini, Brescia.

Fonti: 87.

 

BRESCIA. Complesso 'Amici della notte'. Complesso formato da Giovanni Galli (fisarmonica), Maurizio Dall'Oglio (basso), Stiffi Plef (chitarra), Roberto Fogli (sax-clarino), Angelo Bonomi (sax-clarino), Stefano Baresi (batteria).

Fonti: 87.

 

BRESCIA. Complesso 'Hot Ice Cream'. Complesso sorto nel 1977 è formato da 3 chitarre, un basso, un cantante, una batteria con elementi provenienti da altri gruppi bresciani sorti agli inizi degli anni 1970. Referente: L. Carullo, via Brolo 6f - Brescia.

Fonti: 87.

 

BRESCIA. Qartetto chitarristico 'Seguitar. Laura Caprioli, Fabio Palmieri, Paola Purpura, Marco Rinaldi si sono formati presso il Museo Musicale Bresciano sotto la guida dei Maestri Fausto Betelli e Alessandro Bono. Hanno suonato nell’orchestra chitarristica Vincenzo Capirola, diretta dal M° Fausto Betelli. Da anni si propongono, con lezioni-concerto e incontri anche per le scuole, di far meglio conoscere ed apprezzare il ricco e vario repertorio chitarristico, proponendo i più diversi generi musicali dal classico al folk, dal blues alle composizioni contemporanee. Costante è anche l’impegno di eseguire brani per chitarra di autori bresciani antichi e moderni. Di recente hanno partecipato alla Primavera della Liuteria Bresciana presso il Museo Diocesano e alle manifestazioni previste nell’ambito dell’Estate Aperta del Comune di Brescia e del Comune di Leno

Fonti: www.seguitar.it

 

BRESCIA. Accordinsettima. Nata nel 2000 gli "Accordinsettima" è una band di musicisti accomunati dalla passione per le canzoni di Fabrizio De Andrè, propongono un repertorio che intende essere una sintesi significativa dei molti brani composti dal popolare cantautore. Di particolare rilievo appaiono gli arrangiamenti che fanno riferimento ai memorabili concerti con la P.F.M., nonché alle più recenti tournée, senza trascurare di inserire spunti personali sorti dall'affiatamento che caratterizza il gruppo. Componenti : Marco Chiappini, Federico Ferrari, Stefano Zeni, Daniele Scaravelli, Alessandro Cipriani, Sergio Mazzei, Morena Lusenti, Beppe Gioacchini.

Fonti:Catt.

 

BRESCIA. After Shave - After Shave al profumo di donna. Il gruppo Formazione bresciana che, solo ultimamente, ha trovato la sua dimensione. Come hanno detto a “qui Brescia”, Luca Antonini, Andrea Botti e Stefano Tegon, zoccolo duro del gruppo, le difficoltà affrontate hanno condizionato il loro modo di fare musica, anche a causa della cronica mancanza di un bassista, vera croce degli After Shave. La band, infatti, formata nel 1997 da Luca (vocalist) e Andrea (chitarra), ha trascorso un lungo periodo di precarietà non riuscendo, nonostante gli sforzi, a trovare un musicista che ricoprisse questo ruolo fondamentale. Nel ‘98, è arrivato Robert Shivonshinski, velocemente rimpiazzato però da Dario Rizzini, anch'egli una breve parentesi. Nei primi mesi del 2000, anche il tanto sospirato bassista ha fatto la sua entrata in scena: Marco Lebellini, questo il suo nome, ha completato il gruppo sempre penalizzato dall'instabilità, facendogli acquisire una fisionomia rock ben definita. E l'estate seguente ha portato i suoi frutti. In pochi mesi, gli After Shave hanno realizzato un demo composto da cinque pezzi, scritti interamente in lingua inglese, per i quali si sono avvalsi della collaborazione di musicisti d'esperienza (i fratelli Poddighe). La band lascia intuire potenzialità hard, fatte di passaggi veementi sostenuti da chitarra e batteria ("Ok","Are you woman"e "Woman in love"), anche se in linea di massima sviluppa sonorità che richiamano i Seventeen, caratterizzate da quei frammenti psichedelici tanto cari a Jim Morrison e ai suoi "The doors". I due brani finali, "When I see your eyes" e "You make me happy", chiudono la raccolta avvalendosi della gentilezza del pianoforte (Carlo Poddighe), che, accostato agli strumenti elettrici e all'armonica, regala passaggi davvero inusuali di fusione tra classicismo e modernità.

Fonti: Catt.

 

BRESCIA. Apostoli. Complesso rock fondato a Brescia nel ? e sciolto nel 1968. Componenti: Mimmo Saponaro, Galanti, Federico Gennari, Rolando Belli, William Fornacciari, Alfredo Luzzardi.

Fonti: 80p. 42.

 

BRESCIA. Astral Boys. Complesso rock fondato a Brescia negli anni 1960. Componenti: Ennio Corbucci, Sergio Prandelli, Gino Pedretti.

Fonti: 80p. 44.

 

BRESCIA. Auhra. Il metal sinfonic-fantasy degli Auhra. La formazione inizialmente era composta da Roald e Stefania, e si misuravano con i brani dei loro idoli (Metallica, Iron Maiden) suonati e risuonati tra il garage sotto casa e qualche posto di fortuna. Poi, con il passare del tempo, hanno sentito la necessità di organizzarsi e ampliare le possibilità creative del duetto, con l'aggiunta di nuovi componenti. Era il 1996, infatti, quando sono nati gli Auhra, e, alla chitarra di Roald Caratti e alla voce di Stefania Paolelli, si sono aggiunti il basso di Diego Bonassi e la batteria di Vito Cominardi. Subito sono arrivate le prime esibizioni pubbliche che hanno portato ai quattro qualche soddisfazione, un buon bagaglio di esperienza e un po' di fortuna. Il primo mini album della band, "Shadows of infinity", composto interamente da pezzi propri, è infatti stato registrato grazie al successo di una serata: gli Auhra, composti da giovani della Franciacorta, hanno vinto un concorso a Brescia, ottenendo come premio la possibilità di utilizzare per tre giornate uno studio di registrazione. I quattro brani, poi rifiniti nel settembre del 1998, sono il risultato di quella prima esperienza. Altre novità sono arrivate nel '99, quando il sound della band si è arricchito con l'aggiunta di una tastiera, suonata dal giovanissimo Andrea Salogni (al tempo sedicenne) e di una seconda chitarra, quella di Marco Olmi. Verso la fine dello stesso anno, gli Auhra, divenuti ormai un sestetto, hanno iniziato a lavorare sul secondo album. Sicuramente più ricco e maturo sia come varietà di suoni sia come omogeneità dell'insieme, "Spectrums" è composto da cinque brani. Il metal sinfonico dei primi pezzi si è arricchito di passaggi acustici alternati ad altri più duri, dando notevole originalità all'insieme e ponendo il sestetto fuori dal mucchio selvaggio del metal odierno. Ed è proprio la sensazione di trovarsi in luoghi fantastici, da sogno, che rende così particolare e gradevole "il viaggio" all'interno dell'album "Spectrums" che, giunto qualche anno dopo l'esordio di "Shadows of infinity", rappresenta la parabola ascendente di un metal, quello degli Auhra, ormai giunto a maturazione.

Fonti: Catt.

 

BRESCIA. Avanzi di balera. Gli Avanzi di Balera si sono formati nel 1992 con il semplice intento di costituire una cover-band che, contravvenendo all'esterofilia imperante, proponesse solo musica italiana. Dal maggio dello stesso anno ad ora hanno all'attivo oltre 800 date nei locali del nord Italia e non solo. Durante il tour estivo del 1996 in Sardegna hanno conosciuto il produttore "Fat Celentano" che, colpito dalla comunicatività del gruppo nel coinvolgere e divertire il pubblico, ha posto le basi per un progetto discografico a cui gli Avanzi hanno lavorato per quasi due anni, scegliendo e riarrangiando in chiave rock alcuni brani a cui ognuno era in qualche modo particolarmente legato. Un test del progetto è stato effettuato nel luglio 1997 in Sardegna alla sesta edizione del Rocce Rosse & Blues Festival di Arbatax dove hanno aperto con successo il concerto di Wilson Pickett e di James Brown. Tra aprile e maggio del 1998, nel Pull Studio di Cesano Boscone, alle porte di Milano, con un manipolo di amici, realizzano per la Pull-Fuego il cd "Birre,gazzose e gin fizz". L'album, prodotto da Gigio Franchini, registrato da Paolo Baldan Bembo (attuale fonico dei varietà Fininvest) e mixato da Sean Chenery, sound engineer londinese. Il gruppo, per promuovere il disco appena uscito, intraprende nel mese di agosto, per il terzo anno consecutivo, un tour in Sardegna. Nel settembre del 1999 con l'entrata di Fabio Del Rio il gruppo assume la sua attuale formazione di classico ed essenziale quartetto rock e inizia a lavorare al progetto sulle canzoni di Lucio Battisti. Si arriva di conseguenza a registrare nel maggio del 2000 un demo con cinque canzoni, positivamente recensito sul n° 20 del dicembre 2000 della rivista L'ISOLA CHE NON C'ERA (speciale dedicato a Lucio Battisti), che, oltre ad Amore caro amore bello, portata al successo da Bruno Lauzi, contiene Sì viaggiare, Fiori rosa fiori di pesco, Il tempo di morire e Dio mio no, l'unica canzone di Battisti all'epoca sottoposta alla censura della RAI. Nel giugno del 2001 gli Avanzi, negli studi di "Michele l'intenditore" dove già avevano registrato il demo, completano il lavoro attingendo dalla vasta produzione Mogol-Battisti e scegliendo con l'unico criterio di seguire le indicazioni dettate dai ricordi cui ognuno è più legato. Questo progetto, che gli Avanzi di Balera hanno realizzato personalizzando e dando una veste particolare con i loro grintosi arrangiamenti ad alcune tra le più belle canzoni di Lucio Battisti, si è concretizzato nel maggio del 2002 con la pubblicazione, per l'etichetta On sale, del nuovo lavoro discografico dal titolo "Quel gran genio del mio amico". Dal lontano esordio del 1992 il gruppo ha visto passare tre le sue fila numerosi musicisti fino alla formazione attuale, attiva stabilmente dal settembre del 1999, costituita oltre che dai due membri fondatori, Gian Marco Carossino e Carlo Dolce, dal bassista algerino Djamel Bougherarà e dal batterista Fabio Del Rio.

Fonti: Catt.

 

BRESCIA. Banda Bassotti. Complesso rock fondato a Brescia negli anni 1970. Componenti: Giorgio Cordini, Mimmo Saponaro, Lino Cornali, Maurizio Cibelli, Franco Mangiarotti.

Fonti: 80p. 44.

 

BRESCIA. Baronetti. Complesso rock attivo dal 1965 al 1972 ca. sfociato poi nella Bottega del Fabbro, v. Componenti: Luciano Binatti, Alessandro Rosini, Gianfranco Ballista, Aleardo Tommasi, Luciano Bigotti, Tazio Minini, Sandro Cherubini, Giacomo Fabroni.

Fonti: 80p. 45.

 

BRESCIA. Betty Boom. Rock band fondata nel novembre 1997. Componenti: Luca “Bete” Betelli, Francesco “Cecco” Saleri, Enrico “McHenry” Bertocchi, Gabriele Forbiti.

Fonti: Catt.

 

BRESCIA. Bibas. Complesso rock fondato a Brescia 1971 e sciolto nel 1973. Componenti: Osvaldo Galluccio, Angiolino Bergamini, Emilio Carmeli, Aldo Venturini, Walfrido Puccini, Franco Borlini, Bruno Casanova, Franco Borgoni.

Fonti: 80p. 46.

 

BRESCIA. Blue Velvet. Complesso rock fondato a Brescia-Villaggio Ferrari nel 1968 sciolto nel 1970. Componenti: Carlo Cavalli, Maurizio Ricchini, Gabriele Cocca, ‘Gaetano’, ‘Caio’.

Fonti: 80p. 47.

 

BRESCIA. Bretelloni. Complesso rock fondato a Brescia negli anni 1962-1963, divenuti poi I cinque del Minotauro, v. Componenti: Corrado Catarina, Carlo Franchi, Mario Chiesa, Enrico Conti, Alessandro Conti, Sergio Prandelli.

Fonti: 80p. 49.

 

BRESCIA. Bristol’s. Complesso rock fondato a Brescia nel 1965 sciolto nel 1967, divenuti poi P33, v. Componenti: Franco Telò, Giorgio Bristol, Rolando Cabrin, Arbeo Coco, Caludio Bianco.

Fonti: 80 p. 49.

 

BRESCIA. Caravan. Complesso rock fondato a Brescia nel 1971 sciolti nel 1972. Componenti: Pier Paderni, Emilio Archetti, Giuseppe ‘Felino’ Ferrari.

Fonti: 80 p. 50.

 

BRESCIA. Cavernicoli. Complesso rock, già Quarry Men, v., fondato a Brescia nel 1965 sciolti nel 1969. Componenti: Renato Silvestri, Fabio Prati, Stefano Plef, Gianni Bresciani, Franco Piazza, Tita Bonetta, Gianfranco Benedetti, Pino Crovace, Paolo Dolcini, Mario Bologna, Giorgio Cordini, Pierluigi Cordini.

Fonti: 80p. 51.

 

BRESCIA. Chez Donsi. Chez Donsì Quartet, tra jazz e vecchio swing. L'idea di formare l'ensemble dei Chez Donsì jazz quartet (composti da due musicisti ancora in fase di crescita e due gia navigati) ha preso corpo all'inizio del 2000, quando, in occasione di una manifestazione organizzata dall' associazione "Altrosuono" di Brescia, Nunzio Donsì, PaoloTognola e Stefano Zonin, hanno deciso di fondere divertimento e lavoro dando vita una nuova formazione. Ma non si trattava di un quartetto, finquando ai tre si è unito Alberto Alberti. L'arrivo del talentuoso bassista, cresciuto in modo determinante durante una tournè di cinque anni vissuta girando l'Europa con l'orchestra jazz di Lello Tarantino, ha completato il gruppo fornendogli un respiro internazionale. L'esperienza e la fiducia nei propri mezzi non fanno comunque difetto nemmeno agli altri componenti. Nunzio "Nan" Donsì, infatti, sulla scena da oltre un ventennio e cresciuto come autodidatta, ha collezionato numerose collaborazioni suonando con personaggi come Caniato, Gorni, Abeni e Peli. Ancor oggi, alla soglia dei cinquant'anni, la sua voglia di migliorare lo porta a frequentare una scuola di perfezionamento con il maestro Roberto Soggetti. I due elementi più giovani, invece, Tognola e Zonin, sono alla ricerca di una nuova dimensione. Il primo, più giovane (25 anni), dopo aver ricevuto una formazione classica ha intrapreso la strada del jazz, seguendo il suo bisogno intrinseco di libertà, aiutanto anche lui dai consigli del grande Soggetti. Il secondo (27enne), dopo alcuni anni trascorsi bazzicando la scena rock locale, ha mutato completamente i suoi interessi convergendo verso il jazz. Ultimamente, infatti, si è impegnato per migliorare il suo stile, frequentando seminari di tecnica d'improvvisazione e accompagnamento a Siena e a Feltre. Nell'anno in corso, dopo varie esibizioni, i Chez Donsì hanno inciso un Cd intitolato "Impronte", nel quale figurano sette brani musicali di jazzisti noti, fra i quali George Gershwin, Enrico Rava, "Gato" Barbieri e Bruno Martino. Un quartetto professionale che fa musica di buon livello, grazie alla fusione di ottime individualità.

Fonti: Catt.

 

BRESCIA. Pipers. Complesso rock nato a Brescia nel 1967, ancora attivi negli anni 1990; composto da Johnny Morandini, Stefano Plef, Mario Sauda, Beppe Rolfi, Beppe Fregoni, Roberto Zanchetta, Valentino Mangeri, Armando Brusaporco, Rolando Giambelli.

Fonti: 80 p. 114.

 

BRESCIA. Pipistrelli. Complesso rock sorto a Brescia nel 1958 e sciolto nel 1960; composto da Mimmo Saponaro, Benedetto Orsini, Luciano Gnocchi, Giancarlo Meloni, Franco.

Fonti: 80 p. 117.

 

BRESCIA. Pronipoti. Complesso rock sorto a Brescia Urago Mella/Quartiere C. Abba negli anni ?; composto da Roberto Denti, Mariano Denti, Paolo Olivieri, Roberto Gregari.

Fonti: 80 p. 117.

 

BRESCIA. Provos. Complesso rock nato a Brescia Quartiere Don Bosco nel 1966 e sciolto nel 1967; composto da Andrea Bonera, Paolo Muchetti, Giorgio Abate, Alfio Bosio, Lino Deneda.

Fonti: 80 p. 118.

 

BRESCIA. Clever Boys. Complesso rock fondato a Brescia nel 1966 sciolto nel 1970. Componenti: Giulio Ghidini, Roberto Morandi, Gianni Cigolini, Franco Moretti, Davide Venezia, Franco Braga, Luciano Zanini.

Fonti: 80 p. 55.

 

BRESCIA. Club 76. Complesso rock fondato a Brescia nel 1965 sciolto nel 1969. Componenti: Franco Pellegrini, Paolo Carinci, Giorgio Moser, Giorgio Mirandi, Pier Paderni.

Fonti: 80 p. 55.

 

BRESCIA. Cobra. Complesso rock fondato a Brescia nel 1965 sciolto nel 1969. Componenti: Amos Rinaldi, Salvatore Giancola, Ivan Oneda, Ezio Gardoni.

Fonti: 80 p. 58.

 

BRESCIA. Gino e i Bonos. Attivo negli anni 1950 - formato da: Gino Bonetta, Nello Rossigni, Fausto Pasquali, Cesare Pasquali, Enzo Colombo.

Fonti: 80.

 

BRESCIA. Somesouls. Complesso rock nato a Brescia nel 1967 e sciolto nel 1968; composto da Alfredo Guizzi, Bruno Nocivelli, Franco Ugolini, Maurizio Sarno, Marco Damiani, Rolando Giambelli, Piero Masneri.

Fonti: 80 p. 129.

 

BRESCIA. Sosia. Complesso rock nato a Brescia nel 1967 e sciolto nel 1970; composto da Fausto Penna, Gianni Rinaldini, Riccardo Quarena, Giuseppe Gaffurini, Valerio Consoli, Emilio Corbucci, Enzo Filippini, Romano Romanini.

Fonti: 80 p. 130.

 

BRESCIA. Complesso jazz. Gruppo attivo dal 1938 al 1942 formato dagli universitari: G. Berlucchi, P. Merlo, C. Bizzarri, M. Schreiber, O. Garzone.

Fonti: Enc. Bs.

 

BRESCIA. Swing Melody. Complesso rock nato a Brescia nel 1954 e sciolto nel 1957; composto da Corrado Catarina, Anchise Corvetti, Franco Fedeli, Arturo Pederzoli, Rino Ruzzenenti, Giulia Sauda.

Fonti: 80p. 132; Enc. Bs.in 'Orchestre Musica Leggera'.

 

BRESCIA. Taxmen. Complesso rock nato a Brescia 1966 e sciolto nel 1968; composto da Gianfranco Belotti, Alberto Facchinetti, Paolo Dolcini, Mario Marangoni.

Fonti: 80p. 136.

 

BRESCIA. Wanted. Complesso rock nato a Brescia Urago Mella/Quartiere C. Abba nel 1967 e sciolti nel ?; composto da Roberto Denti, Elio Berardelli, Mario, Lucio, Edoardo Frassini.

Fonti: 80 p. 146.

 

BRESCIA. We Four. Complesso rock nato a Brescia nel 1967 e sciolto nel 1969; composto da Alfredo Dellaglio, Roberto Rizzi, Antonio Porta, Massimo Perini.

Fonti: 80 p. 147.

 

BRESCIA. Welling. Complesso rock nato a Brescia in via S. Zeno nel 1965 e sciolto nel 1966; composto da Alberto Morselli, Vincenzo Serana, Angelo Montanini, Marco Borghesi, Paolo Mucciarelli, Giampiero Bolpagni, Giancarlo Gamba.

Fonti: 80 p. 147.

 

BRESCIA. Wow. Complesso rock nato a Brescia nel 1966 e sciolto nel 1970 ca.; composto da Paolo Tirale, Federico Lombardi, Alfredo Scotti, Tony Massardi, Beppe Moretto, Roberto Bosio, Maurizio Bignotti, Renzo Nardin.

Fonti: 80 p. 148.

 

BRESCIA. The The. Complesso rock nato a Brescia nella parrocchia di S. Nazaro nel 1969 e nel 2006 ancora attivi; composto da Enrico Morari, Giorgio Marzaroli, Enzo Bonoldi, Daniele Borboni, Mino Gilberti, Mino Remondina, Adriano Bariani.

Fonti: 80 p. 137.

 

BRESCIA. Trio Irde (Il Rinnovo dell’Espressione). Complesso rock nato a Brescia nel 1971 e sciolto nel 1976; composto da Claudio Amadori, Armando Romiti, Armando Scaroni.

Fonti: 80 p. 141.

 

BRESCIA. Odissea. Complesso rock nato a Brescia nel 1970 e sciolto nel 1971; composto da Giancarlo Pedrazzi, Renato Silvestri, Sandro Guastoldi.

Fonti: 80 p. 142.

 

BRESCIA. The Lemon Squeezers. Tre anni di attività, ma solo nell'ultimo i "The lemon squeezers" hanno assunto le caratteristiche di vera band. Infatti i sei ragazzi bresciani (abitano tutti tra la città e l'hinterland) si sono conosciuti e amalgamati nel 1998, assestandosi in modo definitivo solo nel 2000. Il sestetto, composto da Marco Rossi, Joe Piazza, Nicola Putzù, Lorenzo Lorenzoni, Paolo Pezzangora e Dario Acerboni, si avvale di un contributo strumentale ricco, potendo contare nei momenti corali sull'apporto di quattro voci (Nicola Putzù è la principale), su tre fiati (due tromboni e il sax), oltre che sulla batteria, la chitarra e il basso. L'attività live si è finora svolta principalmente in città ed è un ottimo punto di forza per un gruppo che recentemente ha raggiunto un buon livello di notorietà pur potendo contare su un'età media piuttosto giovane (tra i 18 e i 20 anni). Sgomitando nell'intricato mondo della musica giovanile, i "The lemon squeezers" sono entrati in contatto anche con realtà che hanno assunto recentemente rilevanza in ambito nazionale, come la trasmissione televisiva "Help" di Red Ronnie e alcune case discografiche indipendenti, come la Paniko records, per la quale incideranno presto una compilation. Il demo che li ha lanciati nell'orbita della musica emergente, "…e buonanotte ai suonatori", è il frutto di due anni di lavoro e raccoglie 10 canzoni di genere ska, all'insegna di melodie allegre realizzate grazie alla fatica di tutto l'insieme.

Fonti: Catt.

 

BRESCIA. Timoria. Rock Band. I 'Timoria', una delle più interessanti realtà del panorama musicale italiano, si inseriscono perfettamente in questa tradizione essendo originari di Brescia. Il gruppo nasce nel 1985 come PRECIOUS TIME e l'anno successivo accedono alle selezioni di Rock Targato Italia vincendole e questo gli da modo di fare un provino per la Polygram. Nel 1987 fanno il loro primo concerto dal vivo e l'anno successivo esce il 45 giri mix SIGNORNO'! un brano dedicato ad Amnesty International. Nell'estate dello stesso anno totalizzano oltre 30.000 presenze nella loro tournée italiana. Incidono quindi un Extended Play per la Polygram in occasione dell'edizione '88 di Rock Targato Italia. L'EP contiene 4 brani tra i quali: MACCHINE E DOLLARI, MA PERCHE' NON MI VUOI? che seguono la loro ascesa al successo. Nel gennaio '89 MA PERCHE' NON MI VUOI? è in classifica in oltre 50 radio italiane, network compresi. Nel giugno dello stesso anno viene quindi pubblicato il 45 giri con i brani NON SEI PIU' TU e PUGNI CHIUSI dedicato a DEMETRIO STRATOS (per celebrare il decennale della sua scomparsa). "COLORI CHE ESPLODONO" il primo album dei Timoria viene pubblicato il 17/4/90 dopo quasi 2 anni di gestazione. E' un omaggio dell'autore Omar Pedrini a grandissimi artisti come Van Gogh, Kandinskij, Mussorgskij, che, prima di lui hanno sottolineato lo stretto legame tra le varie espressioni artistiche, in particolare pittura e musica. Il gruppo approda alla 41° Edizione del Festival di Sanremo nella sezione "nuove proposte" con il brano "L'UOMO CHE RIDE", aggiudicandosi il Premio della Critica. Marzo 1991: esce il secondo album dei Timoria "RITMO E DOLORE" anche questo disco è prodotto da Gianni Maroccolo. Ancora una volta l'album è accolto entusiasticamente dai media e dal pubblico. Il tour che ne segue ottiene un grosso successo. Maggio 1992: viene pubblicato STORIE PER VIVERE che segue l'inizio della collaborazione con Angelo Carrara.  L'amicizia e la stima reciproca si consolidano e sfociano in una collaborazione felicissima: MALE NON FARA' brano scritto e prodotto da Ligabue, arrangiato ed interpretato dai TIMORIA. Prosegue il tour senza sosta fino a marzo '93. Ottobre '93: i Timoria si presentano all'appello importantissimo del quarto album VIAGGIO SENZA VENTO un concept album di 21 brani il cui tema predominante è il viaggio verso l'oriente alla riscoperta di se stessi. A luglio '94 i Timoria sarà l'unico gruppo italiano ad esibirsi durante la manifestazione Sonoria, un festival di tre giorni che ospita in Italia i più importanti artisti del mondo. Alla fine del tour, settembre '94, il disco ha venduto quasi cinquantamila copie. A dicembre '94 il gruppo entra il sala per realizzare il nuovo album incentrato sul futuro e la realtà virtuale. Gianna Nannini chiede al gruppo di poter realizzare insieme a lei il brano IO VAGABONDO che farà parte di una compilation, in tributo ad Augusto il leader dei Nomadi, di prossima uscita. A poche settimane dall'uscita del nuovo album (marzo '95) i Timoria ottengono il disco d'oro per Viaggio senza vento.  Marzo '95: il nuovo album si chiama 2020 SPEEDBALL, prodotto da Angelo Carrara, realizzato e arrangiato dai TIMORIA. L'album contiene 17 brani ed è ambientato in un futuro prossimo, appunto il 2020.  Nel luglio '96 esce il primo album da solista di Omar Pedrini, BEATNIK, Il ragazzo tatuato di Birkenhead, sempre prodotto da Angelo Carrara. Durante il 1996 il brano "Dancin queen" tratto da "2020" viene incluso nell'album "EURO13 COMPILATION #3" pubblicato in Francia dalla 13Bis Records, una raccolta dei più importanti gruppi europei (i Timoria sono l'unica band italiana). Febbraio '97: esce il nuovo e attesissimo album dal titolo ETA BETA. Questo 6° album testimonia l'amore dei Timoria per la musica intesa a 360 gradi, un mix psichedelico di rock, funk, dance, soul, melodia e…ritmo!! In questo meraviglioso album ci sono ospiti eccezionali, dal percussionista Leon Mobley di Los Angeles (Ben Harper Band), a Dave Fiuczinsky, chitarrista dell'avanguardia newyorchese (Screaming Headless Torses, John Zorn, Freak Power) e Luca "Zulu" Persico dei 99 Posse che canta in SUDAMERICA. Nell'album è presente una cover di "Zobi la Mouche" dei Negresses Vertes e un brano cantato in francese dal titolo EUROPANIC…è evidente che l'esperienza in Francia ha segnato la carriera della band.

Fonti: Catt.

 

BRESCIA. The Topless. Complesso rock-beat nato a Brescia nel 1963 e sciolto nel 1968 ca.; composto da Aldo Bulgari, Ennio Corbucci, Giuliano Paludetti, Romano Romanini (fondatore), Valentino Mangeri.

Fonti: Enc. Bs. in 'Jazz'; 80p. 138; GB del 4.VII.1965; GB del 22.III.1994.

 

BRESCIA. The Novelty. Complesso rock-beat nato negli anni 1960, gruppo accompagnatore di Fausto Leali.

Fonti: Enc. Bs. in 'Jazz'.

 

BRESCIA. Doctor Jazz. Complesso di musica jazz composto da Claudio Crevoli, Ivan Mainetti, Lamberto Zanola, Donatello Chiesa.

Fonti: Enc. Bs. in 'Jazz'.

 

BRESCIA. Trappers. Complesso rock nato a Brescia nel 1965 e sciolto nel ?; composto da Enrico Marelli, Ernesto Manera, Renato Silvestri.

Fonti: 80

BRESCIA. Trep. Complesso rock nato a Brescia nel 1971 e sciolto nel 1972; composto da Ruggero Piva, Andrea Bonera, Battista Bontempi, Giacomo Fabroni.

Fonti: 80p. 141.

 

BRESCIA. Pata Pata. Complesso rock sorto a Brescia nel 1969 e sciolto nel 1973; composto da Francesco Milini, Adriano Gritti, Bruno Bresciani, Franco Bresciani, Leandro Membrini, Franco Moratti, Dario Terzi, Bruno Bresciani, Claudio Goffi, Marcello, Franco Pagani.

Fonti: 80 p. 110.

 

BRESCIA. Corsari. Complesso rock fondato a Brescia nel 1963 ca.

Fonti: 80 p. 59.

 

BRESCIA. Dalton. Complesso rock fondato a Brescia nel 1967 e sciolto nel 1970 composto da Angiolino Bergamini, Rolando Belli, Lino Cornali, Mimmo Saponaro.

Fonti: 80 p. 59.

 

BRESCIA. Deficient Men. Duo cabarettistico formato dai cantanti chitarristi Ennio Corbucci e Luciano Bettoni nato negli anni ’70 con questa stridente denominazione in quanto dopo i primi esordi fra le poche battute di copione e le numerose improvvisazioni i loro show rasentavano il demenziale, proprio come esigeva il mondo musicale del periodo.  Noti in ambito locale in quanto conduttori di programmi radiofonici e televisivi, nel 1978 incidono un LP 33 giri, dal titolo “Che bela la luna”, composto da 10 canzoni, per conto della “International Audio Film”. La realizzazione dell’album nasce con la collaborazione del maestro Alceo Guatelli (valente direttore d’orchestra RAI) alla fisarmonica ed al piano, del maestro Giancarlo Pedrazzi alla chitarra, del maestro Mario Zampedri al flauto ed al kazoo ed Enzo Filippini alla batteria. Il disco, esemplare unico rimasto, è stato donato al Museo Musicale di via Trieste, dove lo si può ascoltare. I “Deficient Men” si sono esibiti anche in una tournee all’estero per un breve periodo. La TV belga trasmise parecchi programmi per i lavoratori italiani all’estero con la partecipazione, molto seguita del nostro duo.  Una trasmissione in diretta della TV tedesca dalla piazza Vittoria di Brescia li vide protagonisti come pure un tour in tutta l’alta Italia in compagnia della cantante Turina.  Attualmente il CD del quinto volume di “..Goi de contala?” della rivista “Musica” edito dall’Associazione Palcogiovani (dicembre 2005) contiene il brano “I Gnari” con testo e musica di Ennio Corrucci ed arrangiamento di Giancarlo Pedrazzi a testimonianza della vitalità della musica cabarettistica che supera le barriere del tempo.

Fonti: Catt.

 

BRESCIA. Un Discorso a Parte. Complesso rock nato a Brescia-S. Afra nel 1969 e sciolto nel 1970; composto da Umberto Rivarola, Nino Bertolazzi, Paolo Gerardini.

Fonti: 80 p. 145.

 

BRESCIA. Vecchie Parole Nuove. Complesso rock nato a Brescia nel ?; composto da Umberto Rivarola, Carlo Papetti, Ezio Franzoni.

Fonti:80 p. 145.

 

BRESCIA. Vedda. Complesso rock nato a Brescia-Istituto C. Abba nel 1964 e sciolto nel 1966; composto da Augusto Minoni, Angiolino Dolci, Fausto Cominelli.

Fonti: 80 p. 146.

 

BRESCIA. Revolver. Complesso rock nato a Brescia S. Eufemia nel 1967 ca.; composto da Nereo, Giuseppe, Aldo, Osvaldo.

Fonti: 80 p. 119.

 

BRESCIA. Riflessi. Complesso rock nato a Brescia nel 1966 e sciolto nel 1971; composto da Giuseppe Borgoni, Davide Bontempi, Adriano Zanfabro, Michele Borgoni, Andrea Bonera, Gianni Bresciani, Franco Borgoni.

Fonti: 80 p. 119.

 

BRESCIA. Samurai. Complesso rock nato a Brescia-Fornaci nel 1963 e ancora attivo nel 2006; composto da Giuliano Taddei, Francesco Dioni, Aldo Venturini, Giuseppe Baldassarre, Ferdinando Ercoli, Tommaso Scicli, Santo Zampedrini.

Fonti: 80 p. 123.

 

BRESCIA. Saraceni. Complesso rock nato a Brescia nel 1961 e sciolto nel 1963 ca.; composto da Bruno Parmini, Alfredo Corbucci, Dante Bovi, Mario Chiesa, Umberto Villani, Giorgio Borsi.

Fonti: 80 p. 124.

 

BRESCIA. Silvester’s. Complesso rock nato a Brescia nel 1963 e sciolto nel nel 1976; composto da Alessandro Bertazzoni, Pippo Cavalleri, Ferdinando Peli, Walter Ferrari, Camillo Cinelli, Gino Porra, Sergio Sala, Enrico Cordoni, Mario Chiesa, Emilio Carmeli, Vanni Cordoni, Giovanni Bello, Roberto Bottini, Ferdinando Ercoli, Bruno Mazzetti, Franco Gardoni, Vincenzo Gardoni.

Fonti: 80 p. 125; Enc. Bs. in 'Orchestre Musica Leggera'.

 

BRESCIA. Sketchmen - Transistor. Complesso rock nato a Brescia nel 1964 e sciolto nel 1968 ca.; composto da Bruno Baruffa, Luciano Gnocchi, Sergio Fappani, Sergio Franchini, Luciano Tagazzini, Sergio Pietra, Antonio Pedersoli.

Fonti: 80 p. 128.

 

BRESCIA. Delta. Complesso rock fondato a Brescia nel 1964 e sciolto nel 1965, composto da Roberto Marconi, Roberto Faverzani, Donato Malatesta, Fabio Faroni.

Fonti: 80 p. 63.

 

BRESCIA. Demi Jouri Demi jour hanno fatto la loro apparizione sulla scena musicale bresciana nel febbraio del 2000, per volontà di Paolo Comini (già leader degli 'Istinto') e Gigi Lancellotti, ai quali si è unita, dopo breve tempo, Angela Tomasoni. Il trio, fin dalle prime battute, ha dedicato le sue energie alla realizzazione di un demo intitolato "The Red Room Analogic Record", realizzato allo studio Red Room e composto da otto brani della durata di 25 minuti circa. Nel settembre dello stesso anno ai tre si sono aggiunti Cristian Barbieri (Nuvola) e Alberto Bonometti (gia componente del Grande Omi e leader dei Pineapple Facial Wax), conferendo ai Demi jour connotati da rock-band e dando l'avvio a una serie di concerti che li ha rivelati come una formazione di spicco del panorama locale. Meritano di essere ricordate la prima esibizione al circolino di Radio Onda D'urto il 23 novembre del 2000, nella quale i cinque sono riusciti a entusiasmare il gremitissimo locale, costretti a numerosi bis; le due del DonneMotori (13 gennaio e 21 luglio 2001) e quella di Orzinuovi al Budda Cafè (13 febbraio 2001). Dopo i successi ottenuti sui palchi, il gruppo ha deciso di riprendere il lavoro in studio e, collaborando con Marco Franzoni, ha realizzato una nuova traccia: "The airless room ep". Quest'ultimo biglietto da visita, composto da sei pezzi, uscirà in primavera in concomitanza proprio con il ritorno all'attività live.

Fonti: Catt.

 

BRESCIA. Devils. Complesso rock attivo a Brescia dal 1957 al 1962, composto da Beppe Facchini, Emilio Archetti, Tino Sorlini, Mauro Pezzucchi, Giancarlo Prandini.

Fonti: 80 p. 63.

 

BRESCIA. Diablos. Complesso rock attivo a Brescia dal 1957al 1962, composto da Ennio Corbucci, Aldo Bulgari.

Fonti: 80 p.64.

 

BRESCIA. P 35. Complesso rock sorto a Brescia nel 1968 e sciolto nel 1970; composto da Maurizio Bignotti, Roberto Sissa, Nicola Losanno.

Fonti: 80 p. 108.

 

BRESCIA. Discepoli. Complesso rock fondato a Brescia-Lamarmora nel 1966 e sciolto nel 1972, composto da Alberto Ferrero, Tullio Savoldi, Aldo Partesana, Guido Galperti, Angelo Prevacini, Ruggero Inchingolo, Piero Boles, Tristano Giambelli, Maurizio Bignotti.

Fonti: 80 p. 65.

 

BRESCIA. Django Quartet. Django quartet, una musica che viene da lontano. Nonostante sia di recente formazione, il gruppo jazz "Django quartet" si presenta sulla scena ricco di esperienze dovute al fatto che i quattro componenti gravitano, pur essendo ancora giovani, nel mondo della musica già da parecchi anni. Conosciutisi frequentando il Centro didattico produzione musica, Marco, Giacomo e Vincenzo Albini di Pontoglio e Tommaso Bilotta di Bergamo, hanno iniziato a muoversi nell'ambiente con disinvoltura fin dagli esordi del gruppo, inserendosi ben presto nel giro dei concerti e partecipando a varie rassegne fra le quali spiccano "Summer time jazz" ed "Emergenti", in onda sull'emittente televisiva "Bergamo Tv". Durante questo primo periodo - solitamente non facile - di prove d'assieme, hanno inciso un album con dieci brani, per il quale devono gran parte dell'ispirazione al chitarrista tzigano Django Reinhardt , ma nel quale trova spazio anche un pezzo, "Il blues di Montecristo", concepito e realizzato interamente dai quattro. Il quartetto jazz non è comunque l'unica formazione della quale fan parte questi ragazzi, che sono impegnati anche in altre situazioni. Marco Ranghetti (chitarra), per esempio, ha fondato gli "Strios Band"; Giacomo Marchetti (basso), il gruppo dei "Versi Diversi"; Tommaso Bilotta (chitarra) assieme al pianista Francesco Falcioni gli "Open Quartet"; infine Vincenzo Albini (violino), impegnato anche nell'approfondimento scolastico del jazz, collabora con numerose formazioni.

Fonti: Catt.

 

BRESCIA. Aquiletta. Complesso sorto nei prima 1950 su iniziativa di Fausto Zilioli (pasticceria di corso Martiri della Libertà), ebbe grande successo soprattutto con il pianista e compositore V. Buffoli. Dedida al genere ballabile fece del primo piano del bar-cinema Aquiletta in corso Magenta un punto di incontro per gli amanti del ballo. L'orchestra ebbe fine con l'avvento del genere rock. Organico: Fausto Zilioli (batteria), Vittorio Buffoli (pianista), Giampiero Merlo (chitarra e clarino), Pino Nova (contrabbasso e violino).

Fonti: Enc. Bs.

 

BRESCIA. Black and White. Orchestra attiva principalmente al caffè Roma di corso Zanardelli con un repertorio basato su ritmi sudamericani e jazzisti. Dopo il caffè Roma l'orchestra si trasferì nel locale sala da ballo 'Mandola' di via A. Mario, poi sede dei carabinieri in congedo. L'orchestra era diretta da A. Monti ed ebbe come batterista l'autista di Gabriele D'Annunzio. L'orchestra, che si sciolse agli inizi degli anni 1950, era composta da Adelelmo Monti (violino e sax), Gino Fogliata (pianoforte), Pietro Conforti (sax), Guido Pellegrini (sax e violino), Bruno Chiesa (sax), Ettore Marchesi (tromba), Giovanni Zanesi (tromba), Felice Bravo (trombone), Fausto Zilioli (chitarra), Vincenzo Guadagno (contrabbasso), Carletto Franzosio (batteria).

Fonti: Enc. Bs.

 

BRESCIA. Orchestra ‘Gardenia’. Sorta nel 1954 ca.; composta da Cesare Baresi, Dino Maestrini, Giulio Bologna.

Fonti: Catt.

 

BRESCIA. Orchestra 'Maffio'. Orchestra costituitasi presso il bar Maffio di Corso Zanardelli a Brescia e composta da una decina di elementi preparatissimi in grado di spaziare in ogni genere musicale. L'attività dell'orchestra durò solo un paio d'anni (1945-1946) ed era composta da Alberico Martinelli (violino e capo orchestra), Piero Manenti (violino), Felice Bonometti (violoncello), Domenico Bandiera (contrabbasso), Carlo Cavallina (pianoforte), Renzo Trivella (sax-clarino), Cico Gottardi (tromba), Franco Facchi (trombone), Antonio Franchi Zumbo (batteria).

Fonti: Enc. Bs.; Enc. Bs. in 'orchestra Black and White'.

 

BRESCIA. Orchestra 'Panteghini'. Costituitasi a Brescia nel 1935 e operante sino al 1943 e dal 1945 al suo scioglimento nel 1990. L'orchestra fu diretta da Guido Panteghini (violino e sax), trasferitosi in seguito a Merano dove svolse intensa attività musicale all'anfiteatro all'aperto.

Fonti: Enc. Bs.

 

BRESCIA. Orchestra ‘Blue Harmony’. Attiva a Brescia dal 1993 al 1995; composta da Franco Benedetti, Fausto Taglietti, Manuel Cutrufo, Enzo Filippini.

Fonti: Catt.

 

BRESCIA. Orchestra ‘Lovell’. Costituita a Brescia nel 1951 al Dopolavoro Ferrovieri di Brescia; composta inizialmente da sette elementi fra i quali il violinista Alberico Martinelli ed il chitarrista Virginio Cattaneo. Proseguì in trio con Iris Perin e con il giovane batterista Mengarelli e il giovane pianista Guido Benussi. Altri componenti furono: Dante Filippini (fisarmonica), Felice Bonometti (sax-clarino), Antonio Franchi Zumbo (batteria). L'orchestra venne sciolta nel 1962.

Fonti: Enc. Bs.; 80 p. 88.

 

BRESCIA. Orchestra ‘Pellegrini’. Sorta nel 1954 ca.; composta da Guido Pellegrini, Carlo Cavallina, Piero Maggi, Carlo Mengarelli, Attilio Savasi, Giovanni Zanesi, Mario Zampedri, Piero Geraci.

Fonti: Catt.; Enc. Bs. in 'Orchestre Musica Leggera'.

 

BRESCIA. Orchestra 'Bossini'. Nata negli anni 1950 e formata da Ernesto Bossini (violino), Attilio Bossini (pianoforte, insegnante di pianoforte all'Istituto Venturi nel primo dopoguerra, v.), Carlo Mengarelli e altri strumentisti occasionali, si esibiva in corso Magenta alla Casina delle Rose (ora giardini pubblici). L'orchestra d'estate si spostava in luoghi di villeggiatura.

Fonti: Enc. Bs.

 

BRESCIA. Dollari' - I 5 dollari. Complesso rock fondato a Brescia da Mario Zampedri e Adolfo Gallinari nel 1959 e sciolto nel 1972. Conposto da Giovanni Guidi, Franco Nocera, Mario Zampedri, Sandro Conti, Adolfo Gallinari; subentrarono Maurizio Vergombello, Gino Porta, Guido Benussi.

Fonti: 80 p. 66; Enc. Bs. in 'Orchestre Musica Leggera'.

 

BRESCIA-FORNACI. I 5 di Fornaci. Costituitosi negli anni 1952 ca., composto da Mario Chiesa, Angelo Zola, Camillo Cinelli, Dino Maestrini, Rino Gazzarella.

Fonti: Catt.

 

BRESCIA. I 5 Z. Costituitosi nel 1953 ca., composto da Gino Bonetta, Camillo Cinelli, Dino Oldrati, Ruggero Fogazzi.

Fonti: Catt.

 

BRESCIA. 6 Dixiland 6. Sorto nel 1958 ca. e costituito dai militari Roberto Targher, Livio Migliorini, Angelo Costalunga, Piergiorgio Gasparotto, G: Carlo Corsini, Angelo May.

Fonti: Catt.

 

BRESCIA. Boomerang. Costituitosi nel 1978 ca., composto da Pino Nova, Gigio Savasi, Glauco Raschini.

Fonti: Catt.

 

BRESCIA. Cicabum. Sorto nel 1987 ca., composto da Claudio Pistoni, Piero Pagliago, Valfrido Puccini, Franchino Telò.

Fonti: Catt.

 

BRESCIA. Colorado. Costituitosi nel 1971 ca., composto da Daniele Cestana, Bruno Parmini, Franco Marchesini.

Fonti: Catt.

 

BRESCIA. Il Grande Omi. Sopravvissuto a sette anni di avventure e vicissitudini, il gruppo "Il Grande Omi" ha subìto una notevole evoluzione umana e artistica. I lavori finora eseguiti sono il risultato dell'apporto dei diversi componenti che in questi anni si sono alternati nei vari ruoli, affiancando il leader storico Francesco "Francy" Ferrari e dando sempre un'importante contributo alla produzione musicale. I primi due demo registrati fra il '94 e il '95 contengono entrambi cinque pezzi e sono il frutto di esperienze giovanili, l'anno seguente è proseguito il lavoro di produzione con l'uscita di un album senza titolo contenente 13 pezzi di qualità decisamente superiore. Nel 1997 è stato prodotto l'album che ha sancito il salto di qualità del gruppo portando la fama della band, attraverso un tour durato circa un anno, ben oltre i confini della provincia di Brescia: formata da 12 pezzi e intitolata "Malattia", questa raccolta è stata però, suo malgrado, protagonista di una vicenda intricata che non le ha mai permesso di uscire sul mercato. Reduce da un anno di grande lavoro, nel quale si è potuto esibire in città come Bologna, Firenze, Torino, Parma, il gruppo bresciano è stato costretto dalle circostanze a uno stop di due anni. Deluso dal mercato della musica, "Il Grande Omi" ha quindi deciso di andare in controtendenza, proponendo per intero il nuovo album solo ed esclusivamente sul proprio sito internet (www.ilgrandeomi.it), dando così a tutti la possibilità di fruirne gratuitamente, e tagliando fuori ogni forma di "sciacallaggio commerciale" da parte delle case discografiche. Oggi il gruppo è formato da un quintetto, con Francy Omi (voce, chitarra, piano), Micaela (voce), Nico Meteo (basso), Davide Mahoni (chitarra) e Bono (batteria), ed è tutt'altro che in disarmo: continua il suo lavoro di composizione e pensa, con alcuni brani già pronti ed altri in cantiere, alla sua nuova creazione.

Fonti: Catt.

 

BRESCIA. Marelli. Complesso attivo dal 1992 al 1995; composto da Enrico Marelli, Dario Marelli, Franco Benedetti, Clara Chiesa.

Fonti: 80.

 

BRESCIA. My Sentic. Complesso attivo dal 1975 al 1985; composto da Franco Pagani, Mario Sauda, Umberto Villani, Stefano Plef-Sartori, Ciro Gabriele, Aldo Chiodi, Franco Corini.

Fonti: 80.

 

BRESCIA. Backwall. Gruppo fondato da Gaetano Manfredini, Maurizio Abramo... con un repertorio costituito da composizioni originali di ispirazione rock e blues anglo americana.

Fonti: Enc. Bs.

 

BRESCIA. Charltown Band. Gruppo fondato nel 1974 e opera con elementi provenienti da altre formazioni bresciane. Propone un genere di rock-blues americano. E' un gruppo autogestito e coordinato da Luigi Vrangas.

Fonti: Enc. Bs.

 

BRESCIA. L'ignobile Congrega. Gruppo fondato nel 1974 e costituito da pianoforte, basso, vibrafono, batteria, chitarre e voci si è assestato nel 1977. Responsabile: E. Iaforte - Brescia.

Fonti: Enc. Bs.; 87.

 

BRESCIA. Lavoro Vivo (Manitoba Streamline). Il gruppo partecipa alle varie manifestazioni musicali bresciane quali: Festival dell'Unità, Festival autogestiti, spettacoli in piazza e concerti vari. Ha inciso un longplayng. Coordinatori: Gaetano Manfredini e Maurizio Abrami.

Fonti: Enc. Bs.; 87

 

BRESCIA. Mama Lion. Sorto nel 1977 e costituito da due chitarre e un basso elettrico per poi arricchirsi in seguito di altri strumenti.

Fonti: Enc. Bs.

 

BRESCIA. Quasi una Band. Costituitosi nel 1975 e formato da tre elemnti che eseguono proprie composizioni. Il 'QUB' si è esibito a Brescia e provincia, coordinatore V. Di Lena.

Fonti: Enc. Bs.; 87.

 

BRESCIA. Opossum. Costituitosi nel 1973 è passato attraverso vari generi musicali per poi approdare ad un 'rock' non 'hard' ma piuttosto melodico e classicheggiante. Responsabile Guido Barezzani.

Fonti: Enc. Bs.; 87.

 

BRESCIA. Brescia Project Jazz Orchestra. Nuova e sorprendente formazione bresciana formata dai dieci più rappresentativi musicisti jazz bresciani che si avvale degli arrangiamenti di Del Barba e Soggetti che rispondono ai prestigiosi nomi di: Oscar Del Barba, pianoforte e tastiera; Roberto Soggetti, pianoforte e tastiera; Sandro Gibellini, chitarra; Fausto Beccalossi, chitarra; Angelo Peli, sassofono alto e flauto; Gianni Alberti, sassofono contralto e soprano; Fulvio Sigurtà, tromba e flicorno; Franco Testa, contrabbasso e basso elettrico; Valerio Abeni, batteria; Beppe Gioacchini, percussioni.

Fonti: Catt.

 

BRESCIA. Empty Frames - Empty Frames, tra Anni 70 e innovazione. Gli Empty Frames, "cornici vuote", sono ragazzi pieni di talento e iniziativa. Infatti non si occupano solo della propria musica ma, collaborando con l'associazione bresciana BSound, si dedicano anche a un progetto di più ampio respiro: sviluppare e organizzare il notevole fermento di cui Brescia è protagonista in questo periodo, nell'ambito della musica giovanile. E' sul finire del 1996 che, da un incontro tra Raffaele Caenaro e Stefano Cagninelli, entrambi chitarristi, è nata l'idea di creare il gruppo. Pochi mesi e l'insieme si è completato con l'arrivo degli altri due elementi: Nicola Veneziani bassista irruento dai trascorsi "punk grunge" e Paolo Zaninetta bassista con velleità da cantante. Dopo poche prove e con una buona dose di coraggio, gli Empty Frames sono saliti sul palco e hanno così iniziato a esibirsi dal vivo in locali e piazze del bresciano (fra le quali piazza Loggia), mettendosi in evidenza anche fuori provincia con alcuni concerti nel Varesotto. Il lavoro di incisione invece ha dato i primi frutti nel 1998, anno di uscita dell'album "Empty Frames" che ha fissato in modo tangibile le esperienze e i risultati del lavoro di questo primo periodo di vita. I progressi e la crescita artistica hanno poi portato il gruppo alla produzione di dieci nuovi brani, raccolti nell'album "Anise" del '99, a cui è seguito per la band un cambio di direzione: maggior rigore stilistico e un nuovo componente, Alberto Loda, che si alterna nel ruolo di batterista con Nicola Veneziani. Con questa nuova formazione si è resa necessaria la rivisitazione dell'album "Anise", pubblicato in nuova veste all'inizio del 2000. E proprio questo ultimo lavoro, più omogeneo nelle sonorità e più curato nella forma, con i suoi otto brani vuol essere il biglietto da visita dei nuovi Empty Frames.

Fonti: Catt.

 

BRESCIA. Orchestra A.L.A.G. Orchestra jazz sorta a Brescia nel 1954 all'interno dell'Azienda Luce Acqua Gas e sciolta nel 1956. Nata su inizativa del sassofonista Mario Zampedri suo direttore sino allo scioglimento del gruppo. L'organico era costituito da M. Zampedri (direttore), Rino Ruzzenenti, Franco Fedeli, Luciano Tagazzini, Mario Chiesa (sax), Favalli Elio (trombone), Geraci Piero, Zola Angelo, Slavovic (tromba), Ruggero Fogazzi (batteria), Bologna Giulio (pianoforte), Dino Oldrati, Raffaele De Zordo (contrabbasso), Bazzoli Antonio (chitarra).

Fonti: Enc. Bs.

 

BRESCIA. Mondo d’Aquarello. Complesso rock nato a Brescia nel 1972 e sciolto nel 1973; composto da Maurizio Bignotti, Tristano Giambelli, Alberto Ferrero, Ruggero Inchingolo.

Fonti: 80 p. 98.

 

BRESCIA. Money Iess. Complesso rock fondato a Brescia nel 1966 e sciolto nel 1967; composto da Renato Silvestri, Luciano Carullo, Roberto Frigerio, Ferrara.

Fonti: 80 p. 99.

 

BRESCIA. Music Quartett. Attivo nel 1988; composta da Umberto Villani, Adriano Gritti, Gino.

Fonti: Catt.

 

BRESCIA. Mustang 66. Complesso rock sorto a Brescia nel 1962 e sciolto nel 1968; composto da Engelo Crescini, Cesare Bergomi, Eugenio Piovanelli, Piero Vezzoli, Ferdinando Crescini, Carlo Codenotti.

Fonti: 80 p. 99.

 

BRESCIA. New Opera. Complesso rock fondato a Brescia nel 1975 e sciolto nel 1978; composto da Aldo Venturini, Osvaldo Galluccio, Paolo Gerardini, Umberto Rivarola, Emilio Carmeli, Piero Gotti, Checco Facchinelli, Roberto Benedini, Flavio Dassenno, Matteo Fasolino, Sandro Bertazzoni, Guido Minelli.

Fonti: 80 p. 101.

 

BRESCIA. New Twistmen – Jo Dany Quintet – 5 di Brescia. Complesso rock sorto a Brescia nel 1964 e sciolto nel 1967; composto da Giuseppe Fadani, Rolando Belli, Stefano Pelizzari, Antonio Cordoni, Enrico Cordoni, Carlo Ambrosini, Vanni Cordoni.

Fonti: 80 p. 102.

 

BRESCIA. Nipoti. Complesso rock nato dalla fusione di Equipe 2000 di Cossiranoe le Aquile di Trenzano; attivo nella provincia di Brescia dal 1962 ca. al 1973 ca.; composto da Cesare Beccalossi, Domenico Tignonsini, Oscar Parolari, Giacomo Zanotti, Orlando Bertoli, Enrico Torri, Giambattista Fiammetti, Valentino Maffi.

Fonti: 80 p. 103.

 

BRESCIA. Noir. Quando si sono messi insieme avevano ancora i calzoni corti: era il 1992, a soli 12 anni tre ragazzini bresciani, animati solo da una fortissima passione cominciarono a fare musica. Dopo sei anni erano nati i Noir. Il "progetto Noir" vero e proprio ha preso corpo nel gennaio 1998, ed è stato frutto della stretta collaborazione fra i due ragazzi di Roncadelle, Stefano Marzoli (voce, tastiere) e Davide Vernia (chitarre), con il bresciano Giordano Vianello (batteria). A loro si è unito, qualche mese più tardi, Giacomo Profeta (basso), anch'egli residente in città.Nel 1999 il lavoro della band si è concretizzato con l'uscita di un promo ,"Noir 99", composto da tre pezzi: "Adesso posso piangere", "Il terzo declino" e "L'angelo dei desideri". Tra il 1999 e il 2000, inoltre, il quartetto ha tenuto numerose esibizioni live a Brescia, Bergamo e Milano; fra queste spicca un concerto al Fillmore, locale di Piacenza, di fronte a circa mille spettatori, nel quale i Noir facevano da spalla a Francesco Renga, cantante solista ex leader dei Timoria. E’ prevista l'uscita di un album contenente cinque pezzi di propria composizione più un brano dei Depeche Mode.

Fonti: Catt.

 

BRESCIA. Nosemen. Complesso rock costituitosi a Brescia vill. Violino nel 1966 e scioltosi nel 1982; composto da Gigi Daffini, Bruno Poli, Livio Otelli, Corrado Candio, Sergio Piazza, Emanuele Saleri.

Fonti: 80 p. 105.

 

BRESCIA. Orchestra 'Bonfiglio'. Orchestra famigliare attiva a Brescia e fuori Brescia tra la fine del sec. XIX e la prima metà del sec. XX.

Fonti: V. Cattaneo, La famiglia Bonfiglio nella cultura popolare musicale bresciana, Brescia, Museo Musicale Bresciano.

 

BRESCIA. Le Ombre. Complesso rock sorto a Brescia nel 1964 e sciolto nel 1966; composto da Giovanni Clerici, Angelo Betella, Nino Manenti, Nino.

Fonti: 80 p. 106.

 

BRESCIA (?). Ombre di Luci. Attivo nel 1972; composto da Franco Pagani, Adriano Gritti, Lino Favalli, Leo Membrini.

Fonti: Catt.

 

BRESCIA. Gruppo musicale 'Charlatown Band'. Gruppo sorto nel 1978 con elementi provenienti da altre formazioni bresciane del rock-blues e rock-jazz. Formato da 5 musicisti: 3 chitarre, basso, batteria e voci. Recapito: Luigi Vragnas - via Corsica, 1 - Brescia.

Fonti: 87.

 

BRESCIA. Enigmi. Complesso rock fondato a Brescia nel 1967 e sciolto nel 1968; composto da Andrea Bonera, Roberto Inchingolo, Alfio Bosio).

Fonti: 80 p. 70.

 

BRESCIA. Eremiti. Complesso rock nato a Brescia nel 1957 e sciolto nel 1962; composto da Ruggero Fogazzi, Massimo Pilotti, Franco Corini, Rolando Canestrini, Benito Tebaldini, Maurizio Vergombello.

Fonti: 80 p. 70; Enc. Bs. in 'Orchestre Musica Leggera'.

 

BRESCIA. E[r]rori. Complesso rock fondato a Brescia nella parrocchia di S. Maria Calchera nel 1968 e sciolto nel 1970; composto da Giancarlo Pedrazzi, Ezio Cominotti, Luciano Pedrini, Sebastiano Giansiracusa.

Fonti: 80 p. 72.

 

BRESCIA. Etruschi. Complesso rock, già Eremiti, fondato a Brescia nel 1962 e sciolto nel 1977; composto da Benito Tebaldini, Franco Corini, Ruggero Fogazzi, Eugenio Damiani, Rinaldo Tameni, Giuliano Bugatti, Carlo La Torre.

Fonti 80p. 72.

 

BRESCIA. Fausto Quartett. Complesso rock attivo a Brescia sopra il cinema Aquiletta negli anni ?; composto da Emilio Carmeli, Fausto Zizioli, Pino Nova, Giampiero Merlo, Italo Caffi, Piero Frugoni.

Fonti: 80 p. 74.

 

BRESCIA. Ferrovia Locale. Complesso rock fondato a Brescia nel 1972 e sciolti nel 1974; composto da Angelo Betella, Renato Campana, Angelo Cavalli.

Fonti: 80 p. 74.

 

BRESCIA Ferula. Lo psico rock dei Ferula È dal 1995 che Ilario Bicelli ed Emanuele Timpanaro lavorano con incrollabile volontà e voglia di misurarsi con parole e note, essendo compositori e propositori di tutti i testi fino a oggi realizzati dai Ferula. L' attuale band, ottimamente assortita, vede i due creatori (voci e chitarre), affiancati dal tastierista Emanuele Beschi, dal bassista Roberto Dinnella e dal percussionista Alessandro Bissa. Ma per arrivare a questo assetto finale il gruppo ha dovuto superare non poche traversie. Sono passati i nomi (da W.A.X, Wonder Alternative Xma, a Merdosity per arrivare a Ferula nel 98) e anche gli strumentisti, ma la voglia di raccontare e raccontarsi ha sempre sorretto Bicelli e Timpanaro, originari rispettivamente di Isorella e Monzambano. I Ferula sono così arrivati, nel 1998, alla prima incisione di un demo di sette pezzi in stile punk hardcore. Il 2000, invece, è stato l'anno della svolta: nella musica dei Ferula infatti l'aggressività iniziale ha lasciato gradualmente posto a una nuova attitudine melodica. Anche i fastidiosi contrattempi causati dal continuo ricambio dei componenti sono terminati, grazie alla ventata di entusiasmo portata dall'arrivo di Bissa e Dinnella. E "Via da me", mini album ultimato all'inizio del 2001 e composto da 4 pezzi, è il risultato di una situazione nuova all'interno del gruppo, in cui pare aver trovato finalmente posto una componente fondamentale: la stabilità.

Fonti: Catt.

 

BRESCIA. Randagi del Porto. Complesso attivo nel 1975; composto da Enrico Marelli, Pippo Apostoli, Jhonson, A. Facchi.

Fonti: Catt.

 

BRESCIA. Tradizionalisti. Complesso attivo nel 1975; composto da Bruno Parmini, Franco Marchesini, Firmo Zucchi, Federico Gennai, Tita Feltrami.

Fonti: Catt.

 

BRESCIA ?. Mario e i Records. Attivo negli anni 1959; composto da Adolfo Gallinari, Sandro Conti, Nino Riva, Giovanni Guidi.

Fonti: Catt.

 

BRESCIA. Jazz Bazar. Il Jazz Bazar è attivo dal 1996, costituitosi per naturale evoluzione della profonda amicizia e delle svariate collaborazioni che da molti anni legano i quattro musicisti. Forte di una propria sonorità e di una particolare vena stilistica, il gruppo mantiene un approccio musicale rispettoso delle radici afro-americane del jazz, sia quando rielabora standards dei grandi songwriters americani o originals di jazzisti contemporanei o quando presenta brani di propria composizione. Tra le innumerevoli esibizioni di questi anni vanno citate la partecipazione alla II edizione del Festival internazionale del jazz di Vipiteno (‘97) e alla I edizione di Salò jazz (‘99), S.Polo Jazz (edit. 2000/01) e alla rassegna Primavera Jazz di Caorle (2001). La discografia del gruppo comprende i CD "BAZAR" (PANASTUDIO) e "NOTE DI VIAGGIO" (M.A.P.). Formazione: Angelo Peli - alto sax Roberto Soggetti – pianoforte Sandro Massazza – contrabbasso Valerio Abeni – batteria

Fonti: Catt.

 

BRESCIA. J. B. Club. Complesso rock sorto a Brescia nel 1969 dalla fusione della "Forneria Marconi" e del "Club 76". Componenti della formazione originaria (1969-1970): Giorgio Cordini, Mauro Pagani, Giorgio Mirandi, Giorgio Moser, Pier Paderni. Con lo stesso nome il gruppo ha proseguito fino al 2006 con componenti diversi.

Fonti: 80 p. 84.

 

BRESCIA. Joe Pippa’s Band. Complesso rock sorto a Brescia nel 1972 ca. e sciolto nel 1978; composto da Renato Silvestri, Sandro Guastoldi, Elio Modenesi, Aldo Venturini.

Fonti: 80 p. 86.

 

BRESCIA. La Bottega del Fabbro. Complesso rock attivo a Brescia dal 1972 al 1974; composto da Aleardo Tommasi, Tazio Minini, Maurizio Vanenti, Tristano Gaimbelli, Danilo Rigosa, Giancarlo Pedrazzi, Roberto Benedini, Giorgio Moser.

Fonti: 80 p. 47.

 

BRESCIA. 'Rings' Quintet. Il gruppo nasce all'interno dei corsi superiori di musica d'insieme jazz del Conservatorio L. Marenzio di Brescia tenuti dal M.o Alberto Mandarini. Per l'occasione si arricchisce della presenza di Corrado Guarino, docente di pianoforte e composizione jazz presso lo stesso Conservatorio. Le composizioni eseguite sono, oltre ai brani originali firmati dagli stessi interpreti, arrangiamenti su musiche di Wayne Shorter.

 

BRESCIA. Filadelfia. Complesso sorto nel 1992. I "Filadelfia" sono oggi l'unico gruppo bresiano di spicco nel panorama nazionale della musica da ballo: si sono imposti con il loro stile fresco e frizzante ed hanno raggiunto la popolarità con brani che oggi vengono suonati nel repertorio di molte celebri orchestre di musica da ballo nazinali e straniere. Il cavallo di battaglia dei Filadelfia, "Monella Capricciosa" è stato inserito anche in un nuovo volume della Carish che racoglie i 78 più famosi brani della musica ballabile degli ultimi anni in compagnia di pezzi come "Macarena", "Media Luz" e l'intramontabile "Romagna Mia". Il complesso bresciano ha vinto nel 1998 il Festival della musica da ballo in onda ogni anno su rete 4 dal titolo "Ballo Amore e Fantasia" con il brano: "Hey Muchacha". La formazione composta dai due giovani leader Alessandro Voltolini e Claudia Pozzi con i musicisti Massimo Turelli (tastiere), Luca Bachin (fisarmonica), Mattia Coco (chitarra), Lionello Biaggi (basso), Michele Borgoni (batteria), proviene dalla scuderia di Franco Madera, manager discografico bresciano della Two Music, che ha lanciato diversi altri talenti nel panorama della musica leggera.

Fonti: Catt.

 

BRESCIA. Mexcal. È un gruppo che appare molto unito quello dei Mexcal, formato da quattro ragazzi di buona esperienza e ottimo affiatamento, assieme dal 1995. Molto conosciuti nella nostra provincia, hanno avuto modo di allargare i confini della loro notorietà negli anni 1998 e 1999, quando si sono iscritti al concorso nazionale "Arezzo Wave", durante il quale hanno attirato l'attenzione dei critici meritando lusinghiere recensioni su riviste specializzate come "Il mucchio selvaggio". L'aver brillato in questa manifestazione è valso ai Mexcal l'opportunità di essere inclusi in un ristretto gruppo di band scelte per rappresentare il rock italico delle nuove proposte in un tour organizzato in 20 date, da Aosta a Palermo, e chiamato "Arezzo Wave on the rocks". I partecipanti hanno così potuto assaporare, per un certo periodo, il gusto del professionismo. La musica della rock band bresciana - che ha al suo attivo cinque lavori l'ultimo dei quali prodotto proprio all'inizio del 2001 con la collaborazione di Antonio Aiazzi (Litfiba) e Ben Frassinelli - in questi anni ha varcato anche i confini nazionali. Infatti Nicola Mansueto, Diego Rinaldi, Mirco Pantano e Alberto Giovannelli, questi i nomi dei componenti, oltre ad aver suonato varie volte a fianco di musicisti di una certa notorietà come i "Ritmo Tribale" o Francesco Renga, sono stati protagonisti anche di un tour in alcuni tra i locali più noti della città di Berlino, organizzato con le proprie forze.

Fonti: Catt.

 

BRESCIA. Fine 99. Lo ska-core grintoso dei Fine 99, Quattro ragazzi un po' "fuori", veramente appassionati di ska-core e seriamente coinvolti nel progetto Fine 99. Allegri e un po' turbolenti, così si presentano Max Frigoli, Gabriele Festa, Adriano "Fisty" Festa e Stefano "Parky" Frigoli, due coppie di fratelli residenti a Roè Volciano e Prevalle. Nonostante le età molto distanti fra loro (si va dai 34 anni di Max ai 17 di Adriano passando per Gabriele e Stefano entrambi ventunenni) esiste fra i membri della band un notevole feeling che, dopo ore e ore di prove e lavoro, si è concretizzato in due album: "Difetti di Produzione" e "Fine 99". Entrambe le raccolte sono composte da 13 pezzi, ma sono state prodotte con formazioni diverse. Infatti il primo cd "Difetti di produzione", uscito nel 1999, è stato composto quando il gruppo era ancora un quintetto in cui figurava anche Matteo, cantante della band bresciana dei Narcise, mentre"Fine 99", uscito ad agosto dell'anno in corso, è la testimonianza del nuovo modo di essere della band che è passata dall'"hardcore" melodico dei primi tempi al nuovo genere "skacore".

Fonti: Catt.

 

BRESCIA. Guelfi. Complesso rock nato a Brescia nel 1965 e sciolto nel 1968; composto da Giuseppe Pagani, Claudio Piovani, Giuseppe Berti, Giuseppe Colombo, Piero Villa, Isidoro Giorgi, Peolo Pellegrini.

Fonti: 80 p. 81.

 

BRESCIA. Firemen. Complesso rock fondato a Brescia nel 1969 e sciolto nel 1971; composto da Maurizio Manenti, Oscar Dal Zoppo, Ettore Medani, Germano Avigo.

Fonti: 80 p. 74.

 

BRESCIA. Forneria Marconi. Complesso rock fondato a Brescia nel 1968 e sciolto nel 1969; composto da Giorgio Cordini, Romano Romanini, Aldo Bulgari, Mauro Pagani.

Fonti: 80 p. 75.

 

BRESCIA (?). Fred California. Complesso rock, già Complesso 'Dalton', poi Complesso 'Banda Bassotti'; composto da Alfredo Luzzardi, Giorgio Cordini, Lino Cornali, Mimmo Saponaro, Luciano Tosco, Roberto Belotti.

Fonti: 80 p. 76.

 

BRESCIA. Gamma. Complesso rock fondato a Brescia (Volta-via Cremona) nel 1965 e sciolto nel 1975; composto da Stelio Manfredini, Roberto Marconi, Silvano Bossini, Cesare Torri, Donato Malatesta, Papetti, Maurizio Manenti.

Fonti: 80 p. 78.

 

BRESCIA. Gengivas. Complesso rock fondato al Villaggio Badia nel 1965 e sciolto nel 1969; composto da Franco Mor, Luigi Mazzoleni, Sergio Sellin, Evio Merici.

Fonti: 80 p. 78.

 

BRESCIA (provincia). Geosinclinals. Una band come una telenovela, così si autodefiniscono i componenti del gruppo Geosinclinals, tutti originari della provincidi Brescia, dopo aver affrontato numerose separazioni ed essersi battuti più volte con la sfortuna. Michele Valotti ed Emanuele Coltrini, fondatori e ideatori nonché zoccolo duro del gruppo, si sono conosciuti nel 1992, anno in cui, all'età di 18 anni, hanno deciso di muovere i primi passi in ambito musicale. Solo pochi mesi dopo è avvenuto l'incontro, del tutto casuale in una pizzeria iseana, con il terzo componente della band, Pier Paolo Lissignoli, batterista già di una certa esperienza. Due ragazzi gardesani hanno completato il quintetto e, con questa formazione, il gruppo ha prodotto il suo primo lavoro concreto: un demo di quattro pezzi intitolato "It's another part of me", uscito nel 1996. Un grande entusiasmo, animato anche dal discreto successo del cd, ha fatto da propulsore per il massiccio lavoro successivo, grazie al quale i ragazzi hanno scritto e musicato ben 25 brani. Questo periodo di frenetica attività e il carattere esuberante dei due fondatori sono stati però la causa di una profonda frattura che ha portato, nel giro di poco, alla rottura: i due gardesani e Lissignoli hanno abbandonano il gruppo: Valotti e Coltrini, entrambi compositori, scrittori, voci e chitarra si sono ritrovati nuovamente soli. Un anno di riflessione e i Geosinclinals hanno ripreso il loro viaggio. E' ritornato il batterista iseano e la band si è ampliata e stabilizzata con l'arrivo di Michelangiolo Piccinali, rezzatese, al contrabbasso, e con l'idea originale di inserire un flautista, del quale il gruppo si avvale occasionalmente, non essendo membro fisso.  Il quintetto, così composto, ha prodotto e inciso il suo primo album, intitolato "Apologeo".

Fonti: Catt.

 

BRESCIA. Little Kings. Complesso rock costituitosi nella Scola media dell'Istituto 'C. Arici' di Brescia negli anni ? e composto da Uggero De Miranda, Umberto Donnina, Danilo Dordoni, Marco Bonometti, Alex Battisti, Marco Furri.

Fonti: 80 p. 87.

 

BRESCIA. Luca D’Amico. Complesso rock sorto a Brescia nel 1976 e sciolto nel 1981; composto da Andrea Bonera, Giorgio Moser, Ruggero Piva, Franco Testa, Maurizio Manenti, Giancarlo Pedrazzi, Ferdinando Peli, Tullio Pizzardello.

Fonti: 80 p. 89.

 

BRESCIA. Luciani. Complesso rock costituitosi a Brescia nel 1950 ca. e sciolto nel 1959; composto da Luciano Tagazzini, Cesare Bovesi, Dino, Pinuccio, Giorgio Borsi.

Fonti: 80 p. 90; Enc. Bs.in 'Orchestre Musica Leggera'.

 

BRESCIA. Ludovico e i Mori. Complesso rock sorto a Brescia nel 1954 e attivo sino agli anni 1960 a Iseo (Lido dei Platani), al Pincio a Brescia e d'estate al Casinò di Gardone Riviera. Composto da Giampaolo Vergombello (contrabbasso), Emilio Carmeli (cantante), Dino Oldrati (batteria), Virginio Cattaneo (chitarra), Armando Cervi (pianoforte), Italo Caffi, Savasi, Armando Leonardi, Ermanno Orlandini, Roberto Zagarese (di Padova, batteria), Francesco Fattori, Tullio Romano.

Fonti: 80 p. 90; Enc. Bs.

 

BRESCIA. Lumiere Electrique. Si sono ritagliati il loro spazio con spregiudicatezza e hanno creato, giovanissimi, un gruppo musicale che segue una linea basata su sonorità ultramoderne. Il nome della loro band, originale e lontano dai soliti termini inglesi, è "Lumiére electrique". Alessandro Paderno (voce-chitarra), Diego Patti (voce-basso), Alessandro Stefana (voce-chitarra) e Nicola Novaglio (batteria), questi i nomi e i ruoli, non hanno certo perso tempo e in due anni di attività hanno dato vita a una già notevole serie di apparizioni "live". Al Bloom di Mezzago (palco dove suonarono i Nirvana) in occasione delle selezioni della rassegna "Arezzo wave", a Brescia in apertura del concerto dei francesi Ulan Bator in una delle loro poche date italiane, al Fillmore di Piacenza e al Ctm di Rezzato a fianco del più noto gruppo bresciano degli Scisma. Anche i lavori di registrazione denotano entusiasmo e voglia di fare: ne sono stati infatti completati già due in due anni, arrangiati anche con mezzi di fortuna. "Demo 99" è formato da otto pezzi (quattro strumentali e quattro cantati), mentre un album senza titolo è composto da 11 pezzi ed è stato registrato a Pasqua di quest'anno. "Speriamo di suonare il più possibile", si augura Alessandro Paderno per il futuro dei "Lumiére", mentre il quartetto sempre attivo e in continua evoluzione, già lavora alla sua terza raccolta.

Fonti: Catt.

 

BRESCIA. Notturni. Complesso attivo nel 1999; composto da Renzo Borsini, Silvano Abeni, Renato Bonomi.

Fonti: Catt.

 

BRESCIA. Gey Quartett. Fondato a ? nel 1955; composto da Franco Corini, Nino Riva, Ruggero Fogazzi.

Fonti: 80 p. 79.

 

BRESCIA. Giorgio e Mimmo. Complesso rock fondato a Brescia nel 1973; composto da Giorgio Cordini, Mimmo Saponaro.

Fonti: 80 p. 80.

 

BRESCIA. Hobbies. Complesso rock sorto a Brescia nel 1965 e sciolto nel 1970; composto da Walfrido Puccini, Osvaldo Galluccio, Franco Borlini, Giacomo Peroni, Bruno Canova, Paolo Mucciarelli.

Fonti: 80 p. 82.

 

BRESCIA Cool Men. Costituitosi negli anni 1960 e composto da G. Carlo Jacovini, Raffaele Jacovini, Antonio Mazzolari, Cisco Fattori, Max, Emilio Carmeli.

Fonti: 80; Catt.

 

BRESCIA-CHIARI. Orchestra Jazzistica Studentesca. Fondata nel 1940 operò sino al 1943 era animata da Vittorio Buffoli, pianista e arrangiatore del complesso, studente del Liceo di Chiari, sede staccata del Liceo 'Arnaldo' di Brescia. L'orchestra era composta da V. Buffoli, G. Merlo (clarino-chitarra), Ovidio Garrone (batteria), Carletto Bizzarri (tromba), Bruno Grazioli (fisarmonica), Guido Berlucchi (pianoforte).

Fonti: Enc. Bs.

 

BRESCIA-MONTICHIARI. Targata Brescia. Complesso rock attivo nel secondo dopoguerra e negli anni 1969. Componenti: Gigi Daffini, Guido Minelli, Francesco Boschetti, Valerio Abeni, Bersotti, Ivano Rebustini, Umberto Rivarola, Giampaolo Ficara, Attilio Mariconti.

Fonti: 80 p. 135; Enc. Bs. in 'complessi' ('Targata Bresciana').