Aru Virgilio (Solarussa CA, 26.IX.1881-Roma, 22.II.1950). Compì gli studi musicali (pianoforte, canto e composizione) nel Conservatorio di S. Pietro a Maiella in Napoli e, ancor giovane, insegnò nel Liceo “Beniamino Cesi” di Genova. Si produsse come concertista di pianoforte e come direttore d’orchestra in Italia e all’estero; ma si dedicò con particolare predilezione all’attività corale. La sua produzione musicale, pertanto, si esercitò soprattutto nel campo della coralità profana, nel teatro e nell’accademia. Rimane celebre una sua “Preghiera degli zingari” a 3-4 voci maschili (edizioni Carrara), piena di colore e di esotismo, ispirati forse dal ricordo della nativa Sardegna. Fu anche direttore dell’orchestra Eden a Udine nel 1926 ss. A Brescia svolse la sua attività dal 1912 al 1918 come organista e maestro del coro nella chiesa di S. Giovanni Evangelista e come direttore della 'Società Corale Bazzini', v.

Opere:
- 69; Brescia, Biblioteca del Museo Chitarristico Bresciano, Fondo antico; U. Orlandi (a cura), Il mandolino a Brescia, Edizioni Franciacorta, 2002, pp. 96, 117.

Fonti: 4 p. 34 ss.

 

Abbreviazioni