Capra Carlo (Chiari, 17.II.1901-Brescia, 20.X.1965). All'età di cinque anni frequentò la scuola di canto parrocchiale diretta allora da Pietro Orizio, che era anche maestro di cappella del Duomo clarense. Sospese le lezioni durante la guerra 1915-1918, riprese lo studio musicale presso il convento di S. Bernardino in Chiari che ospitava un gruppo di benedettini della scuola gregoriana di Solesmes. Qui iniziò l'ascesa sicura nello studio del pianoforte e del canto gregoriano. In seguito passò sotto la guida di P. Chimeri, e dopo un anno delle sue dotte lezioni, e con sua personale raccomandazione, fu accettato dal Direttore dell'Istituto Musicale G. Frescobaldi in Milano, Prof. Eugenio Bellinzona, per prepararsi definitivamente al diploma di pianoforte, che sostenne a Parma nel Conservatorio A. Boito nel giugno 1926, sotto la commissione esaminatrice del Direttore G. Zuelli, Jachino, Ferrari Trecate e Isidoro Capitanio, allora direttore dell'Istituto Musicale Venturi di Brescia. Dopo il conseguimento del diploma di pianoforte, si iscrisse al Biennio Speciale di Canto Corale (Scuola Polifonica di A. Schinelli) del Conservatorio di Musica «G. Verdi» di Milano, avendo per insegnanti d'armonia il Prof. C. Chiesa, per la Teoria e Solfeggio i Proff. E. Pozzoli, P. Delachi e C. Pedron, per Organo il Prof. G. Bognetti, per Trombone il Prof. Serse Peretti ed infine il Prof. C. Gatti per strumentazione. Nel 1929 conseguì al Conservatorio il Diploma di «Canto Corale e Musica». Nel 1937 consegui a Roma l'abilitazione in «Canto Corale e Musica» per le scuole Medie. Frequentò a lungo l'orchestra stabile dell'Istituto «G. Frescobaldi» di Milano come pianista accompagnatore ed organista. Dal 1922 al 1928 fu supplente organista del M.° Pietro Orizio, organista titolare e maestro di Cappella dal 1929 al 1958 nella Basilica Prepositurale Faustiniana in Chiari. Fu insegnante di canto e musica nelle scuole di Avviamento di Milano, Chiari, Brescia, dal 1929 al 1945; nelle scuole Medie di Chiari e di Brescia dal 1947 al 1962 e nell'Istituto Magistrale V. Gambara di Brescia dal 1937 al 1940. Partecipò al Concorso per esame delle Centurie Corali nel 1940, vincendo per la città di Brescia. Ha concorso, da militare, nel 1921-1922 con una rappresentativa militare ad una kermesse musicale, guadagnandosi un Diploma e medaglia d'argento (sezione canto corale). Fu cooperatore musicale del Piccolo Seminario Salesiano S. Bernardino di Chiari dal 1936 al 1962.Al suo attivo ha molta musica stampata e manoscritta per banda, organo, pianoforte, di genere polifonico, sacra, educativa, scolastica, e di carattere accademico.

Opere principali:

- L'Oca (genere comico), farsa lirica in due atti rappresentata con successo al Teatro Comunale di Chiari e paesi circonvicini
- Tomnj il Pagliaccio, operetta in tre atti rappresentata con successo al teatro Comunale di Chiari per cinque sere consecutive ed in altri paesi vicini
- Bertoldo alla Corte di Verona, operetta in due atti
- Cena del Signore, atto unico sacro su parole di Sua Eccellenza il Prefetto Vincenzo Eduardo Gasdia di Verona.
Sue musiche a Chiari; 2; 28; 69; ICCU musica.

Fonti: B.; Enc. Bs.


Abbreviazioni