Manza-Mancia-Manzo-Manzia Luigi q. Domenico (Brescia, parrocchia di S. Alessandro [C. Sartori, cit.: 'forse nativo di Rovigo'] 11.XI.1657 [M. Bizzarini, cit.: da Polizza d’estimo nato nel 1658; altre fonti: 1687]-?, 4.III.1719 [altre fonti: 1708]). Compositore e organista attivo in Italia, Germania, Austria, Inghilterra, amico del Bononcini e maestro, a Venezia, del bresciano Pietro Gnocchi. Nulla si conosce su i suoi anni e sulla propria formazione musicale. Nel 1687 entrò con il cantante Ferdinando Chiaravalle (61 p. 399: contralto alla corte di Mantova nel 1691; v. 59) alla corte dell'elettore Ernesto Augusto di Hannover, mecenate e amante di arti, dove egli scrisse la sua prima composizione nota, l'opera Paride in Ida, lavoro rappresentato al teatro di corte venne diretto dal Kapellmeister Agostino Steffani. Rientrato in Italia lo troviamo suonatore di tiorba nel 1691 presso la corte di Mantova e, tra il 1695 e il 1696, a Roma, dove mise in scena tre suoi drammi. L'anno seguente tornò ad Hannover per la rappresentazione di La costanza nelle selve (estate 1697) e ad ottobre fu a Berlino, dove cantò con Chiaravalle, Attilio Ariosti, Francesco Pistocchi e Valentino Urbani al servizio dell'elettrice Sofia Carlotta (figlia dell'elettore Ernesto Augusto e moglie del futuro re di Prussia Federico I). Successivamente Mancia ritornò in Italia e dal 1698 al 1699 servì il teatro del viceré spagnolo di Napoli. Agli inizi del 1701 ci risulta attivo come consigliere della camera a Düsseldorf al servizio dell'elettore palatino Giovanni Guglielmo. Nel 1707 accompagnò l'ambasciatore veneziano a Londra, dove vi rimase per un breve periodo. Nel 1708 compose e rappresentò a Venezia la tragicommedia Alessandro in Susa mentre a Brescia diede l'ultimo suo lavoro noto: Serenata. Successivamente dedicò alcune composizioni alla consorte dell'elettore Carlo III, presso la quale corte potrebbe essere stato nominato maestro di cappella. Sempre nello stesso anno tentò di entrare al servizio della regina Anna attraverso la raccomandazione del duca di Manchester Charles Montagu, ambasciatore straordinario a Venezia. Mancia stilisticamente presenta affinità con i predecessori Alessandro Stradella e Giovanni Legrenzi piuttosto che con i contemporanei Ariosti, Francesco Gasparini e Alessandro Scarlatti. Il suo primo lavoro operistico presenta arie di breve durata e non nella forma dell'aria da capo. Le sue cantate, le quali strutturalmente sono simile all'aria, vengono spesso titolate come aria, canzona o canzonetta. Sappiamo inoltre che Mancia nel 1700 concorse con Paris Alghisi al posto di maestro di Cappella nel duomo di Brescia, incarico al quale rinunciò probabilmente per ben più appetibili scenari artistici e, in data non precisabile, G. Gandino, cit., dice che fu organista a Quinzano d'Oglio.

Opere:
MELODRAMMI:
- Paride in Ida, trattamento pastorale per musica (libr.: N. Nicolini - rappr.: Hannover, 1687)
- Giustino, melodramma (libr.: Silvio Stampiglia - rappr.: Roma, Teatro Tordinona, 8 janvier 1695)
- Flavio Cuniberto, dramma per musica (libr.: Matteo Noris - rappr.: Roma, 1696)
- Il re infante, dramma per musica (libr.: Matteo Noris - rappr.: Roma, Teatro Capranica, 1696)
- La costanza nelle selve, favola pastorale (libr.: O. Mauro - rappr.: Hannover, 1697); anche La costanza trionfante (Wolfenbüttel e Salzdahlum, 1715)
- Tito Manilo, dramma per musica (libr.: Matteo Noris - rappr.: Napoli, Teatro S. Bartolomeo, 1698)
- Partenope - Rosmira fedele, dramma per musica (libr.: Silvio Stampiglia - rappr.:, Napoli, Teatro S. Bartolomeo, 1.I.1699; Rovigo, Teatro Marc'Antonio Manfredini, 16.X.1699; Mantova e Firenze, 1701; Brescia, 1710) - Partit. Napoli Conservatorio - v. Florimo, La scuola musicale di Napoli..., t. IV, p. 8 ('Luigi Manzo').
- Alessandro in Susa, tragicommedia (libr.: Girolamo Frigimelica Roberti - rappr.: Venezia, Teatro S. Giovanni Crisostomo, Carnevale 1708)
PARTENZE:
- Dove dove trascorri infausto piede (libr.: L. Mancia; esempl.: MOe, Mus. F.1371)
SERENATE:
- Componimento per musica in occasione del passaggio per Düsseldorf di Carlo III, re delle Spagne Intercanenti - La Giustizia - La Virtù - La Vittoria - Il Rheno - Poesia e Musica di Luiggi Mancia Consigliere della Camera di S.A.S.C., 4 voci (libr.: Luigi Mancia - rappr.: Düsseldorf, 1703) = Il Reno con la Giustizia, la Virtù e la Vittoria, componimento per la musica in occasione del passaggio per Dusseldorf di Carlo III Re delle Spagne (Partit. autografa: Wien, Biblioteca Nazionale, segn. Mus.Hs.16463)
- Serenata (libr.: Giovanni Battista Bottalicio - rappr.: Brescia, 1708)
ARIE (tratte da Raccolta Confalonieri, in C. Sartori, Una nuova schedina, cit. e da INTERNET [carattere normale]):
- Ad arma volate, T, vl e bc. (MOe ?)
- Al girar di questa spada, S e bc. (raccolta Confalonieri, p. 101)
- All'armi o Guerrieri, C e bc. (raccolta Confalonieri, p. 109)
- Amore è un certo foco, S e bc. (raccolta Confalonieri, p. 209)
- Ardo ahi lasso e non oso palesar
- Augelletti al vostro canto (per contralto e basso continuo)
- Con fosco dente di veleno infetto
- Con gli allori intorno al crin, S e bc. (raccolta Confalonieri, p. 229)
- Chi mi rende, S e bc. (raccolta Confalonieri, p. 1)
- Con empi sensi di barbaro rigor, S e bc. (raccolta Confalonieri, p. 17)
- Così così mi piace, S e bc. (raccolta Confalonieri, p. 145)
- Da fantastico umor (canzona, MOe ?)
- Delitie d'amore scherzatem' in seno, S e bc. (raccolta Confalonieri, p. 169)
- Della gloria invitto amante, S e bc. (raccolta Confalonieri, p. 61)
- Donna più non amerò
- E dove mi traete (per contralto e basso continuo)
- E possibile o luci adorate
- E quando o luci amate (testo di Luigi Mancia, per contralto e basso continuo; MOe, Mus. G.116)
- Expurgate debellate, C, vl e bc. (MOe ?)
- Il più fedele amante (testo di Luigi Mancia; MOe, Mus. G.116)
- Il tempo c'ha l'ali (aria)
- In amor non ho fortuna (aria)
- Ingrato e come puoi, S e bc. (raccolta Confalonieri, p. 81)
- La speranza lusinghiera, dalla 'Partenope' (in Recuil des meilleurs airs italiens, Paris, Ballard, 1708, pp. 300, 332)
- La vince chi dura (canzonetta)
- Luci belle oh Dio che fate (per soprano e basso continuo)
- Mi chiama nel campo, S e bc. (raccolta Confalonieri, p. 25)
- Mi puoi ben dire, S e bc. (MiConservatorio ?)
- Non è sempre un bel sembiante, S e bc. (v. Catalogo del fondo musicale Chiti-Corsini della Biblioteca Corsiniana di Roma; raccolta Confalonieri, p. 13)
- Non m'uccider gelosia, S, vl e bc. (raccolta Confalonieri, p. 177)
- Non vel pensate no
- O Dio d'amor consola questo cor (testo di Luigi Mancia; MOe, Mus. G.116)
- Perché mai sì crude siete (per soprano e basso continuo)
- Per farmi guerriera, S e bc. (raccolta Confalonieri, p. 49)
- Quando d'amor le leggi, S e bc. (MOe ?)
- Quante frodi insegna amore, C e bc. (raccolta Confalonieri, p. 201)
- Quanto più mi consigliate (Amante bizzarro) (aria)
- Qui dove il fato rio (aria-serenata per contralto, due violini, viola, oboe, 2 fagotti e basso continuo; Berlino, Oeffentl. Wissensch Bibl.; Upsala, Bibl. Univ.)
- Sedea su l'erbe ove più densa l'ombra , S e bc. (MOe ?)
- Se dirai d'essere amante, S e bc. (MOe ?)
- Seguace son io del Nume guerriero, C e bc. (raccolta Confalonieri, p. 125)
- Se non è bello un volto, S e bc. (raccolta Confalonieri, p. 37)
- Se non cedi al pianto mio, C e bc. (raccolta Confalonieri, p. 221)
- Se non mi vuoi amar (per contralto e basso continuo)
- Se non ti sai spiegar, dalla 'Partenope' (in Recuil des meilleurs airs italiens, Paris, Ballard, 1708, pp. 300, 332)
- Servir conviene per farsi amar, S e bc. (raccolta Confalonieri, p. 73)
- Se stringo lo scettro (per soprano e chitarra)
- So che peni amante core, C e bc. (raccolta Confalonieri, p. 117)
- Stanno ascose in due vaghe pupille, S e bc. (v. Fabio Carboni, Incipitario della lirica italiana dei secoli XV-XX: - Biblioteca Apostolica Vaticana fondo chigi. pt.2. M-Z, Biblioteca apostolica vaticana, 1982, n. 13471; raccolta Confalonieri p. 89)
- Toglietemi pietosi (Medea tradita) (per contralto e basso continuo)
- Tuffata in grembo all'acque, B e bc. (MOe ?)
- Un bacio Lilla? Ohimé! (per 2 voci e basso continuo)
- Un bel guardo di vaga beltà (MOe ?)
- Un ciglio che sa piangere, C e bc. (raccolta Confalonieri, p. 133)
- Un cor che paventa, C e bc. (raccolta Confalonieri, p. 157)
- Vasta mole fondar su l'arene, B e bc. (MOe ?)
- Vendetta bramata sdegnata mi fa, S e bc. (raccolta Confalonieri, p. 241)
- Versatevi ai torrenti (per contralto e basso continuo)
Altre Arie sono segnalate in MIb (v. La musica nelle biblioteche milanesi: mostra di librire documenti, Milano, 28 maggio-8 giugno 1963. Il catalogo è stato compilato da Mariangela Donà, Milano, Tip. U. Allegretti di Campi, 1963 p. 17)
ARIE stampate:
- 4 Canzoni per voce e pianoforte (trascr. Confalonieri); Milano, Le Chant du Monde, ?
- Canzonette cantabili (v. Roberto Bruni-David Wyn Evans, Italian seventeenth century books, indexes of authors, titles, dates, printers and publishers alphabetically and by place, based on the Libreria Vinciana's Autori Italiani del '600, Exeter University Library, 1984, n. 4314; v. La Bibliofilía: rivista di storia del libro e delle arti grafiche di bibliografia ed erudizione, vol XIX, S. Olschki, 1918, p. 217)
- 2 scene buffe a Dresda, Sächsische Landesbibliothek (2 voll. ms., segn. 1-F-39 1/2)

DUETTI:

- Se stringo lo scettro (Nc)
MUSICA SACRA:
- Messa per 16 voci (?)
- Ad arma volate o furie superbe, per tenore, due violini e basso continuo
- Expugnate debellate, per contralto, 2 violini e basso continuo
- Mottetti della Beata Vergine (MOe)
Matthias Kornemann-Axel Fischer, The Archive of the Sing-Akademie Zu Berlin. Catalogue / Das Archiv Der Sing-Akademie Zu Berlin. Katalog, Walter de Gruyter, 2009, segnala:
- Salmo 111: Confitebor tibi Domine
ORATORI:
- L'innocenza difesa
- Il Sansone
STRUMENTALE:
- Concerto (cfr. forse trascrizione per organo di Johann Gottfried Walther in idem, Orgelwerke, t. III, ed. Breitkopf)
- Sinfonia per 2 violini, viola e basso continuo
- Sonata 'La Sassolesa', v. MOe, Mus. F.1386
- Sinfonia a 4 (Upsala, Bibl. Univ.)
- Quattro Sonate e Sinfonie (MOe)
Altra musica in MOe; v. INTERNET.

Fonti: 1; 2; 31 (cart. 47 al 28.VII.1700 e 4.VIII.1700); 59 (v. Carlo Manza e Luigi Mancia); 60; 61 p. 399);F.S. Quadrio, Della storia e della ragione d'ogni poesia, vol. III pp. 517 e 519 (Bologna e Milano, 1744); G. Fischer, Musik in Hannover, Hannover, 1903; A. Ebert, Attilio Ariosti in Berlin (1697–1703), Lipsia, 1905; A. Zanelli, Elisabetta Cristina di Wolfenbüttel a Brescia (1708), in 'Archivio storico lombardo', vol. XXXII, pp. 370-82 (1985); C. Sartori, Dori e Arione, due opere ignorate di Alessandro Scarlatti, in NA, vol. XVIII, pp. 35-42 (1941); C. Sartori, Una nuova schedina anagrafica: il dilettante Luigi Mancia, dignitario dell'imperatore, in RMI, vol. LV, pp. 404-425 (1953); C.E. Troy, The Comic Intermezzo: a Study in the History of Eighteenth-Century Italian Opera, Ann Arbor, 1979; L. Lindgren, Nicola Cosimi in London, 1701–1705, in 'Studi Musicali', Vol. XI, pp. 229-48 (1982); H.S. Saunders, The Repertoire of a Venetian Opera House (1678–1714): the Teatro Grimani di San Giovanni Grisostomo (dissertazione, Harvard University, 1985); A. Chiarelli, I codici di musica della Raccolta estense: ricostruzione dall'inventario settecentesco, in 'Quaderni della Rivista Italiana di Musicologia', vol. XVI, Firenze, 1987; L. Lindgren, Luigi Mancia in NG (con localizzazione delle composizioni); Antonio Fanna-Giovanni Morelli, Fondazione "Giorgio Cini", Istituto italiano Antonio Vivaldi, Nuovi studi vivaldiani: edizione e cronologia critica delle opere, Parte 2, Firenze, L.S. Olschki, 1988, p. 639; v. 'Studi musicali', t. 11, Roma, Accademia nazionale di Santa Cecilia - Firenze, Olschki., 1982, p. 237; Gandino Giovanni, Alveario cronologico, pp. 385-386; G. Staffieri, Colligite Fragmenta - La vita musicale romana negli ‘Avvisi Marescotti (1683 1707), Lucca, LIM, 1990 (v. indice nomi); M. Bizzarini, Luigi Mancia maestro di Pietro Gnocchi?, in Claudio Toscani (a cura), Pietro Gnocchi e la musica a Brescia nel Settecento, Milano, Università degli Studi di Milano, Facoltà di Lettere e Filosofia, Dipartimento di Storia delle Arti, della Musica e dello Spettacolo, 2009 (Quaderni di Acme, 107), p. 13-23; Jacopo Gussago, Elogi istorici di alcuni dotti Ecclesiastici Bresciani che fiorirono nel secolo XVIII estesi dal Padre Don Germano Jacopo Gussago (BRq ms. K.V.14) in 'Pietro Gnocchi'; S. Franchi-O. Sartori, Le impressioni sceniche: dizionario bio-bibliografico degli editori e stampatori romani e laziali di testi drammatici e libretti per musica dal 1579 al 1800, Volume 1, Roma, Edizioni di Storia e Letteratura; Saverio Franchi, Drammaturgia romana: repertorio bibliografico cronologico dei testi drammatici pubblicati a Roma e nel Lazio, secolo XVII, Roma, Edizioni di Storia e Letteratura, 1988.

 

Abbreviazioni